Ancora su Wolfowitz

Torno per un attimo ad un personaggio già citato su questo blog. Perché la cosa mi fa sorridere in ottica ‘italiana’.
Paul ‘Lupovizio’ Wolfowitz costretto a lasciare (con rammarico del suo compare GW Buscio) la poltrona alla Banca Mondiale: fece trasferire la sua amante in un impiego migliore, aumentandole lo stipendio.
Perché mi viene da ridere? Perché costui, che è uno dei NeoCon più potenti, è travolto da uno scandalo che in Italia non verrebbe neanche preso in considerazione come notizia da trentesima pagina! Ma ve l’immaginate? Qui da noi, dove i politici fanno il bello e il cattivo tempo con le assunzioni di chiunque —cugini, nipoti, la figlia del macellaio all’angolo, il pronipote dell’amante—, un “miglioramento lavorativo” per la propria compagna sarebbe semplicemente una cosa normale, che dico?, naturale!

Non siete d’accordo? Difficile non esserlo, giusto? Be’, se lo siete, riuscite anche a capire quanto noi italiani siamo lontani dalla serietà?

Ciao Lupovizio, spero di non rivederti più, e non per il tuo incarico alla Banca Mondiale quanto per le tue bastardate precedenti. Ma, làsciatelo dire, sei stato imprudente: certe cose non si possono fare fuori dall’Italia o dagli altri Paesi latini!

Be First to Comment

    Rispondi