Negli Stati Uniti la Chiesa Cristiana è costretta a scendere a patti con l’autorità giudiziaria e con i comitati di semplici cittadini per risarcimenti ultramiliardari dovuti ad attività di pedofilia degli amministratori del culto.
Oggi l’ANSA batte questa notizia: «La Procura della Repubblica di Paola svolge indagini sull’ex arcivescovo di Cosenza, mons. Giuseppe Agostino. Le indagini riguardano l’inchiesta sui presunti illeciti nella gestione dell’Istituto di assistenza Papa Giovanni XXIII di Serra d’Aiello».

Ovunque ci voltiamo, ormai, è un assedio. Contro la Chiesa Cattolica ed i suoi misfatti. Accanto a personaggi ammirevoli, preti e suore che si sacrificano nei posti più sperduti del pianeta per servire il prossimo — massimo insegnamento di Gesù Cristo —, infatti, la Chiesa ospita orchi e imbroglioni che non pensano ad altro che a fottere il prossimo di qualunque età (anche bambini) in barba a qualsiasi morale laica o religiosa.

Al cospetto di questo incombente disastro che sta incrinando irrimediabilmente la fiducia della gente nella Religione Ufficiale, il Pontefice che fa? Si dà per caso da fare per riorganizzare il casino di cui è amministratore? Mette i puntini sulle i ai suoi uomini? Chiede scusa per ciò che hanno combinato, promettendo che dentro la Chiesa verrà fatta pulizia da tutto il marciume che la ricopre come le strade della Campania priva di discariche? Macché!
‘Paparazzi‘ scrive un vangelo apocrifo con 20 secoli di ritardo!

-Joseph Ratzinger, ex-inquisitore, sta scrivendo un libro “sull’infanzia di Gesù″. Ossia su un argomento di cui non sappiamo assolutamente nulla nemmeno dai Vangeli canonici (a parte l’aneddoto di Luca: l’episodio in cui, dodicenne, Gesù si allontana dai genitori i quali, dopo un’ansiosa ricerca, lo rintracciano nel Tempio intento a disquisire “del Padre Suo” con i saggi sorpresi dalla sua precoce intelligenza; episodio che Luca ha inventato di sana pianta rubandolo a Giuseppe Flavio) e sul quale si misurarono in inventiva e fantasia, già nel II Secolo, i redattori dei Vangeli cosiddetti “Apocrifi” (che costituivano per i primi ‘cristiani’ una risposta all’ingenuo bisogno di conoscere del Salvatore più di quanto i Marco-Matteo-Luca-Giovanni non dicano: ad esempio, il silenzio sulla fanciullezza del Salvatore è colmato dagli Apocrifi con il racconto di ogni sorta di miracoli, che però fanno apparire Gesù come un dio-bambino prepotente e vendicativo).

No, nulla ferma questo “teologo massimo” Sturmtruppen, che parla un italiano-da-barzelletta-sui-tedeschi. Nemmeno il fatto che non solo gli storici ma perfino il Nuovo Testamento non dica nulla su Gesù prima dei trent’anni!

Dove può arrivare la Chiesa Cattolica, di questo passo e con a capo un simile presuntuoso? Da nessuna parte: a lungo andare, sopravviverà come un culto di nicchia solo in Italia e nei Paesi “sottosviluppati”. Lasciando campo libero al neo-animismo sudamericano e soprattutto, purtroppo, all’Islam più oscurantista…